Consigli di lettura

Ecco i recenti consigli delle/dei “Librofagi” per queste sere d’inverno:

Patrizia presenta una lettura molto piacevole, La felicità del cactus, Sarah Haywood (Feltrinelli, 2018).  La protagonista del libro, Susan Green, è una donna che ha bisogno di tenere tutto sotto controllo: lavoro, vita sentimental-erotica, legami familiari. Evita le relazioni in cui dovrebbe implicarsi e mettersi a rischio per paura di soffrire come nella sua famiglia di origine. Ama i cactus che forse sente simili a lei. La vita però è imprevedibile e due eventi, una gravidanza e la morte della madre, la porteranno progressivamente a cambiare prospettiva. Scopre così che il suo falso equilibrio la salvaguardava dalla sua corazza ma le impediva un coinvolgimento profondo nell’espressione dei sentimenti e del senso della vita stessa.

Raffaella, che ama il prolifico autore da sempre, presenta L’uomo che guardava attraverso i volti, Eric Emmanuel Schmitt (E/O, 2022). Il volume parla di Augustin Trolliet, stagista non retribuito presso un giornale di Charleroi, in Belgio. La sua vita ai margini della società cambia quando si ritrova, inviato a scrivere un pezzo per il suo giornale, a essere testimone di un feroce attentato terroristico. È l’unico ad aver visto in faccia il terrorista e ciò suscita i sospetti della polizia. Augustin ha un dono particolare: vede i morti che per qualche motivo sono rimasti legati a certi vivi. Un giorno viene inviato dal giornale a intervistare il celebre scrittore Schmitt che entra a pieno titolo nel racconto. Il libro oscilla tra il metafisico e il giallo e offre ai lettori un finale inaspettato.

Bene e male sottosopra, Annarosa Buttarelli, Feltrinelli, 2023 viene suggerito da Stefania.L’autrice ci accompagna in un viaggio tra le grandi pensatrici che  hanno esplorato in modo originale il male e il bene nell’esperienza quotidiana.  Il libro ci porta a scoprire  le concezioni rivoluzionarie di Simone Weil, Hannah Arendt, Iris Murdoch, Flannery O’Connor, María Zambrano e Françoise Dolto.

Sillabari, Goffredo Parise, Adelphi. 2004 (5° edizione), proposto da Carolina, contiene una serie di brevi racconti sugli essenziali  sentimenti umani.I racconti sono brevi, senza inizio e senza fine, eppure capaci di evocare, al pari di un sillabario, un intero mondo. Sono disposti in ordine alfabetico componendo una sorta di dizionario. I primi uscirono sul «Corriere della Sera» fra il 1971 e il 1972. Una seconda serie uscì fra il 1973 e il 1980.  Nel 1984 i due Sillabari vennero riuniti in un unico volume.

Amarsi, Elizabeth Jane Howard, Fazi, 2023.Questo romanzo,  proposto da Marta, appartiene all’autrice della saga dei Cazalet, e descrive un intrigante gioco delle coppie. È un libro che descrive l’amore e le conseguenze della sua assenza in cui i protagonisti hanno tutti perso qualcosa che cercano di ritrovare, ma poi troveranno la loro realizzazione altrove. L’intreccio è molto scorrevole e intrigante.

 La rivoluzione è finita, Dario Ferrari, Sellerio, 2023, presentato da Laura, parla di un trentenne senza un vero lavoro, Marcello, che prolunga la sua condizione di post-adolescente. Un giorno partecipa a un concorso di dottorato in Lettere, e imprevedibilmente vince la borsa, entrando così nel mondo accademico. Il suo professore gli assegna un lavoro sul viareggino Tito Sella, scrittore e terrorista finito presto in galera e morto in carcere. Marcello riuscirà a inventare l’autobiografia  di Tito Sella, un romanzo nel romanzo. Le due storie, quella di Marcello e quella di Tito Sella sono diversissime per stile, ma entrambe belle.

Paolo presenta Box Hill di Adam Mars Jones, (Orville press, 2023) Personaggio principale è Colin, grassoccio, con bassa autostima di ragazzino bullizzato, che, nel giorno del suo diciottesimo compleanno, incontra l’affascinante Ray e se ne innamora. Siamo a Box Hill, nel Surrey, negli anni ’70.  Colin sente l’essere stato scelto da Ray come una vincita immeritata. L’autore racconta in modo serio e al tempo stesso umoristico questo amore squilibrato. Le pagine contengono scene di sesso esplicito.

Il caso Olivetti, Meryle Secrest, Rizzoli, 2022 è presentato da Cristiano.

Adriano Olivetti , supportato da Mario Tchou, un ingegnere di talento, alla fine degli anni Cinquanta fa sì che  l’Olivetti diventi l’azienda leader mondiale nel campo dell’informatica. Realizzando il primo modello di desktop computer – il Programma 101, adottato persino dalla NASA – riesce a sviluppare una tecnologia rivoluzionaria. La morte di Adriano nel 1960 e quella di Tchou nel 1961 – avvengono in circostanze mai del tutto chiarite e, sollevando da subito sospetti,  portano alla chiusura del laboratorio di elettronica e al declino dell’azienda Il volume è a metà tra romanzo e saggio e, a detta di Cristiano non è ben documentato, ci sono molte  inesattezze.

Coups de coeur

Libri:

Raffaella: Le indagini di Cormoran Strike, romanzi della serie noir scritta da Robert Galbraith, pseudonimo di J.k. Rowling, autrice di Harry Potter.

Patrizia: Veiller sur elle, di Jean-Baptiste Andrea, premio Goncourt, prestissimo tradotto in italiano.

Francesco: Mendel dei libri di Stefan Zweig

Film, serie, spettacoli

 Paolo: Podcast Wild Baricco di Alessandro Baricco

 Podcast L’invasione, tratta di linguistica

 Raffaella : The holdovers, film al cinema

Stefania: Perfect days,  Foglie al vento (entrambi film attualmente al cinema)

 Carolina : Povere creature, film da vedere al cinema

Cristiano: Satyricon film del regista Polidoro, contemporaneo del           Satyricon di Fellini (1969)

Luoghi ed eventi

 Paolo:  Mostra su Berlinguer all’ex mattatoio a Testaccio

Marta: Mostra di Escher, a Roma fino al 1° aprile

 Mostra: La calamita cosmica, a Foligno in una chiesa sconsacrata la scultura di uno scheletro gigantesco

Carolina: A Rovereto, al museo Mart, Mostra L’uomo senza qualità, collezione Sperone.

Mostra di Alessandro Cannistrà,  StudioG, Via Giovanni Branca 11

Laura: Parco archeologico del Celio, al suo interno c’è il Museo della forma  urbis. Aperti di recente

Stefania: Caf via delle Isole Curzolane angolo Via Vigne Nuove.

BLACK LIST

 Patrizia Il libro: La guaritrice. Il romanzo di Ildegarda di Bingen di AnneLize Marstrand Jorgensen, ha almeno 400 pagine di troppo.  

 

 

Author: ragaraffa

Blogger per passione e per impegno, ama conoscere e diffondere le voci delle donne che cambiano.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

This field is required.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*This field is required.