Vuoi un libro gratis?

Sei a Bologna e vuoi leggere senza spendere un euro? Questo è possibile andando alla libreria Libri Liberi, tenuta da una signora dall’apparenza fragile ed aristocratica ma con una grinta ed una coscienza politica e civica di lunga data. Il mese scorso, in occasione della presentazione del libro DONNE CON LO ZAINO a Solarolo perContinua a leggere “Vuoi un libro gratis?”

Consigli di lettura da I Librofagi 8

Ecco altri consigli di lettura del gruppo I LIBROFAGI per le nostre lettrici e lettori: era la serata di venerdì 25 marzo 2022 ATTO IV Stagione IV: 1-Le vie dell’Eden, Eshkol Nevo, Neri Pozza, 2022. Come nel precedente romanzo Tre piani, vengono intrecciate tre storie indipendenti ma in qualche modo legate fra loro attraverso unaContinua a leggere “Consigli di lettura da I Librofagi 8”

“Che stanchezza, amore mio”: una poesia sul viaggio della vita

Molte lettrici e lettori di questo blog amano la lettura ed in particolare la poesia che così bene ci accompagna in viaggio e si adatta ai ritmi delle soste e del cammino. La poesia è una lettura breve ma intensa che ci dà da riflettere a lungo, ci emoziona, ci nutre ed alimenta il nostroContinua a leggere ““Che stanchezza, amore mio”: una poesia sul viaggio della vita”

Francigena e versi danteschi: ANDante 2022

Dell’intenso programma realizzato da Fernanda Pessolano per Ti con Zero, ANDante 2022, io e Raffaella riusciamo a percorrerne solo una tappa: la via Francigena da Campagnano al Santuario della Madonna del Sorbo. In questa assolata domenica di gennaio, ci uniamo al gruppo di camminatori e amanti della marcia e della poesia che, per un soloContinua a leggere “Francigena e versi danteschi: ANDante 2022”

Sami e i ragazzi

La nostra amica Silvia da Riva Trigoso ci invia spesso articoli che parlano di lettura, politica ed impegno sociale. Oggi, in occasione della giornata della Memoria, ospitiamo il ricordo di un incontro speciale, quello con Sami Modiano, invitato lo scorso anno nella sua scuola. Ecco il suo resoconto: In questi giorni ho vissuto un’emozione grande.ProbabilmenteContinua a leggere “Sami e i ragazzi”

Naso e letteratura, il potere delle parole: “Profumi” di Philippe Claudel. Nez et littérature, le pouvoir des mots: “Parfums” de Philippe Claudel

(en français après la photo) Un giorno parlavo di libri con Sophie (uno dei nostri argomenti preferiti in comune con le altre donneconlozaino) e mi aveva consigliato di leggere La nipote del signor Linh, breve romanzo capace di lasciare una traccia indelebile. Ne riparlammo ancora quando la invitai al Théâtre Lucernaire per assistere al monologo dellaContinua a leggere “Naso e letteratura, il potere delle parole: “Profumi” di Philippe Claudel. Nez et littérature, le pouvoir des mots: “Parfums” de Philippe Claudel”

Una donna al Quirinale?”

 Da qualche tempo durante i miei spostamenti in macchina uso ascoltare la  trasmissione ”Un  dj nel braccio della morte”, di Jack Folla alias Diego Cugia: adoro le sue colte incursioni nelle storie condite con musica, letteratura e arte. La Rai ha deciso di sospendere Jack Folla da lunedì 3 gennaio 2022 e di sostituirlo tutti i giorni,Continua a leggere “Una donna al Quirinale?””

Vox

Tra i libri consigliati nel laboratorio “Curarsi con i libri”, uno tra quelli indicati mi ha colpito particolarmente perché parla di afasia. L’afasia di cui si tratta in questo romanzo distopico riguarda il mondo femminile. L’autrice è una neurolinguista come la protagonista del libro e immagina un’America governata da fanatici religiosi, i cosiddetti “Puri”, un’AmericaContinua a leggere “Vox”

Cronache mozambicane 4: Barra e Tofo

Dopo i due incantevoli giorni passati a Quissico, riprendiamo la strada proseguendo verso nord per dirigerci al promontorio di Barra dove, tra laguna e Oceano, si può scegliere dove bagnarsi o camminare. Affittiamo un bungalow vista laguna a Areia branca dove la proprietaria, lamentandosi della mancanza di turismo causa annullamenti Covid, è ben contenta diContinua a leggere “Cronache mozambicane 4: Barra e Tofo”

La Befana vien di notte…

Anna Maria Marinuzzi, detta Namì, non è romana, ma scrive molto bene in romanesco e oggi, che finalmente, si torna ad amare chi scrive in vernacolo, apprezziamo ancor più i suoi versi tratti dalla sua raccolta “Misticanza” (Feaci edizioni). Sora Befana mia, v’aricordate Che ve la cantavamo sta canzone? Quanno cor sacco, su lo scopettoneContinua a leggere “La Befana vien di notte…”