Amor mundi. Genova G8 dal 2001 al 2021

G8 Genova 2001Io c’ero. Ci sono. Ci saremo 19 luglio2020 Son giorni che su FB leggo del G8. Con fatica. Perché c’ero. E non mi viene più così spontaneo parlarne. Eppure ci son stata organizzando manifestando e diventando una persona diversa. L’anno prossimo saranno venti anni da quei giorni storici. Giorni che han fatto laContinua a leggere “Amor mundi. Genova G8 dal 2001 al 2021”

Consigli di lettura 6

III STAGIONE dei LIBROFAGI, penultima riunione Durante le vacanze nello zaino delle donne sempre in cammino (e dei loro compagni di viaggio) non può mancare un buon libro da leggere. Eccoci, puntuali, con i nostri consigli di lettura presi dalla riunione dei LIBROFAGI bookcrossing, Villa Ada 1-L’uomo che amava i cani, Leonardo Padura, Tropea, 2010Continua a leggere “Consigli di lettura 6”

Donne e musica

Gloria ha già scritto per noi donneconlozaino, la sua esperienza con il basso: https://donneconlozaino.org/2020/08/15/donne-che-amano-il-basso// e poi ci ha parlato di viaggi sognati e intrapresi, a volte non conclusi: https://donneconlozaino.org/2021/06/13/il-mio-afghanistan-sognato// Oggi ci regala un pezzo della sua storia di amante della musica: La cosa che ricordo di quella sera di maggio 1972 è la grande distesaContinua a leggere “Donne e musica”

Energia e senso civico

Torna l’emergenza rifiuti a Roma: i cassonetti sono circondati da spazzatura fuori controllo, i camion svuotano ciò che riescono a prendere e lasciano sui marciapiedi montagne di immondizia che si accumula sempre di più, diventando delle piccole discariche a cielo aperto, a pochi passi delle abitazioni.   Il problema dei rifiuti è sempre più grave .Continua a leggere “Energia e senso civico”

Salvarsi con i libri

Carla, Roma, Firenze, Rescaldina Lo zaino di Carla è pieno di libri: quelli che usa nel suo lavoro e quelli che la divertono, la distraggono, la fanno sognare…Ma non c’è nessuno scomparto divisorio tra essi, sono mescolati in una commistione  di autori, parole, emozioni, saperi. Nei libri ha navigato da sempre, la sua vita professionaleContinua a leggere “Salvarsi con i libri”

Da una lingua all’altra

La vita è bella perché non si finisce mai di imparare. Per esempio, chi di voi saprebbe dire cosa significa “Toot sweet” in un testo di Margaret Atwood in lingua originale? Difficile, così, di punto in bianco. Avendo però un contesto a disposizione, ho capito che significa “immediatamente, subito”. Ma solo nell’inglese canadese, che dev’essereContinua a leggere “Da una lingua all’altra”

Il comò dai cassetti colorati/La commode aux tiroirs de couleurs

(In italiano dopo la foto). Une chanteuse peut-elle écrire un bon livre? Dans le cas d’Olivia Ruiz, le pari est gagné: son roman La commode aux tiroirs de couleurs est vraiment une lecture intéressante (JC Lattès, 2020). Oui, car la chanteuse française d’origine espagnole a décidé de raconter l’histoire exemplaire de ses trois grand-parents ayantContinua a leggere “Il comò dai cassetti colorati/La commode aux tiroirs de couleurs”

Mercato dei fiori a Nizza

Mirella, fine agosto 2008 Ero stata la sera prima nel cuore della città vecchia di Nizza, in una piazza con un’unica distesa di tavoli e tavolini, poltrone, sedie, sgabelli, panche e poi gente e turisti e stranieri di ogni tipo, russi, tanti americani, tantissimi italiani, tutti lì a mangiare quantità incredibili di pesci, molluschi, crostacei,Continua a leggere “Mercato dei fiori a Nizza”

Una salentina d’adozione

Da quando l’ho ricevuto non mi stanco di guardarlo, il corto “La vacinada” di Checco Zalone. Anzi, di Oscar Francisco Zalon. Pare che ormai sia diventato un tormentone, ma credo che il successo sia meritatissimo, per più di un motivo. Innanzitutto, è molto vivace e divertente. Il merito dev’essere attribuito in modo equo a ZaloneContinua a leggere “Una salentina d’adozione”

Passare col treno e sbirciare

Una nostra amica, una donnaconlozaino con tanta voglia di tornare a viaggiare, ci invia una sua poesia, scritta su un treno per Nizza. Quando firma poesie si chiama Mirella delle Mirelle, nome datole dalla sua carissima amica Vivian Lamarque. Passare col treno e sbirciare la vita degli altri in un lampo. Veder da balconi e finestreContinua a leggere “Passare col treno e sbirciare”