El rito de la muerte en India y Nepal

Ana Maria, dopo avere letto l’articolo di Pic sulle cerimonie funerarie a Bali, ci ha inviato da Santiago del Cile un resoconto di una toccante cerimonia funebre a cui ha assistito qualche tempo fa. Sotto le foto troverete la traduzione in italiano.

En el 2018, con Nicolás visitamos el norte de la India y Nepal, uno de los lugares más fascinantes que hemos conocido. Siempre que preparamos un viaje, buscamos aquellos elementos culturales que los lugareños consideran imperdibles y para nosotros desconocidos, en este caso la espiritualidad hindú/budista. Y así nos acercamos a la meditación, al culto y a experimentar un poco el ritual de la muerte.

Es probable que mi narración tenga algunos errores o inexactitudes porque en estos Países hay una gran cantidad de religiones, no todo lo asimilas y muchas veces te quedas con dudas porque no puedes pedir respuestas. Dicho esto, el relato forma parte de la vivencia que tuvimos, lo que decía la guía, más la información que obtuvimos en el lugar.

Después de visitar diferentes templos en cada lugar con sus dioses: Brahma, Vishnu, Ganesha, Hanuman y muchos otros, nos dimos cuenta de la notable religiosidad de la gente y de lo importante que es para ellos vivirla en su vida diaria. Dedican un tiempo especial a la oración, la ofrenda de alimentos, la vestimenta, la nutrición, el ejercicio y la meditación. Creen que la vida es cíclica, se vive sabiendo qué va a pasar y cada persona es plenamente consciente de las diferentes etapas. Y así transforman la muerte en una de las etapas que forman parte de la vida cíclica: algo natural e inevitable y representa el principio de la nueva vida.

Nuestro guía nos contó que en esta cultura, los familiares acompañan al enfermo en su proceso en un ambiente natural y coloquial; los lamentos y

llantos no son bien vistos. La casa del agónico se abre para recibir a los allegados, al moribundo se le lee El libro de los Muertos, con claves que le servirán para su vida intermedia entre las dos vidas.

La mayoría de las personas desean ser cremadas según su rito ancestral en las ciudades sagradas de Varanasi y Kathmandu y que sus cenizas sean arrojadas a los ríos Ganges o Bagmati. Así sus almas serán purificadas.

Y nosotros ahí, a punto de asistir a este rito tan particular, nosotros occidentales que consideramos que la mejor muerte es la repentina e indolora! ¡Qué increíble cómo somos diferentes en nuestro modo de vivir! Y estábamos encantados escuchando esta forma de morir tan lejana a lo nuestro y tan cautivante!

En Kathmandu visitamos el crematorio de Pashupatinath. Nos autorizaron a asistir a los ritos de cremación desde la rivera opuesta del rio Bagmati. Es un rio angosto, para nosotros lleno de desechos y muy sucio, para ellos sus aguas son sagradas y puras.

Lo más impresionante de la orilla del rio es que la vida y la muerte van cogidas de la mano. A un lado se están llevando a cabo varias cremaciones, y al otro se pueden ver niños jugando e intentando pescar objetos, monos peleándose y saddus, hombres sagrados que han renunciado a lo material y que visten en forma colorida, realizando acrobacias.

El difunto es puesto en una camilla, envuelto en género de color que lo determina si es varón o dama, soltero, casado o viudo y cubierto con flores. La camilla es trasportada por familiares hombres que van cantando hasta llegar a la pira de cremación.

La pira es de madera y la calidad de esta depende de la casta a la que pertenecía el difunto: la madera de sándalo es para los más ricos y asegura una cremación completa; maderas de menor calidad son para los más pobres y no siempre logran quemar todo el cuerpo, el que es tirado al rio una vez finalizada la ceremonia.

Inicia la ceremonia bajando al difunto al rio para lavar su cuerpo y purificarlo. Luego se le envuelve en el género y se le lleva a la pira de cremación. El cuerpo es depositado mirando al camino de la muerte: la cabeza apunta al sur y los pies hacia el norte.

A la ceremonia de cremación solo asisten hombre ya que la muerte es motivo de alegría y las mujeres lloran mucho; el llanto dificulta el paso del alma hacia un nuevo cuerpo.

Los asistentes van de oscuro y luego de la cremación se afeitan y se cambian a ropa blanca.

Para dar inicio a la cremación el hijo mayor camina alrededor de la pira tres veces con una antorcha en la mano y luego prende la fogata. Los familiares acompañan a su deudo sentados alrededor de él.

La cremación dura entre tres y cuatro horas y, durante la misma, explota el cráneo debido a la presión del calor emitiendo un ruido estruendo. En este acto se libera el alma del difunto. Las cenizas y restos se depositan en el rio iniciando así el viaje al Nirvana y posterior reencarnación.

Muchas personas a nuestro regreso nos decían: ¡”pero cómo pudieron resistir ver algo así”! Contrario a todo, este rito nos llegó a lo más profundo de nuestra alma! Es una de las vivencias que más nos han valido la pena vivir y que nos dejó una huella imborrable!

Ana Maria Valdivieso

Nel 2018, io e Nicolás abbiamo visitato il nord dell’India e il Nepal, uno dei luoghi più affascinanti che abbiamo conosciuto. Ogni volta che prepariamo un viaggio, cerchiamo quegli elementi culturali che la gente del posto considera imperdibili e a noi sconosciuti, in questo caso abbiamo scelto di conoscere la spiritualità induista/buddista. Così ci siamo avvicinati un po’ alla meditazione, al culto e all’esperienza del rituale della morte.

È probabile che nella mia narrazione ci siano errori o imprecisioni perché in questi paesi ci sono un gran numero di religioni, non si riesce ad assimilare tutto e molte volte permangono dei dubbi perché non sempre si possono avere risposte certe. Detto questo, il racconto che segue fa parte dell’esperienza che abbiamo vissuto, di ciò che ha detto la guida, oltre alle informazioni che abbiamo ottenuto sul posto.

Dopo aver visitato diversi templi dedicati ai loro dei: Brahma, Vishnu, Ganesha, Hanuman e molti altri, ci siamo resi conto della notevole religiosità delle persone del posto e di quanto sia importante per loro viverla nella loro vita quotidiana. Gli abitanti di questi Paesi trascorrono dei momenti speciali nella preghiera, nell’offerta di cibo, nell’abbigliamento, nell’alimentazione, nell’esercizio e nella meditazione. Credono che la vita sia ciclica, si vive sapendo cosa sta per accadere e ogni persona è pienamente consapevole delle diverse fasi. Così trasformano la morte in una delle tappe che fanno parte della vita ciclica: qualcosa di naturale e inevitabile che rappresenta l’inizio della nuova vita.

La nostra guida ci ha detto che in questa cultura i membri della famiglia accompagnano i malati nel loro processo in un ambiente naturale e colloquiale dove i rimpianti e il pianto non sono ben considerati. La casa del moribondo viene aperta per ricevere i parenti, al moribondo viene letto “Il Libro dei Morti”, con le chiavi che gli serviranno per la sua vita intermedia tra le due vite.

La maggior parte delle persone desidera essere cremata secondo il proprio rito ancestrale nelle città sante di Varanasi e Kathmandu e far gettare le proprie ceneri nei fiumi Gange o Bagmati, così le loro anime saranno purificate.

E noi eravamo lì, ad assistere a questo particolare rito, noi occidentali che riteniamo che la morte migliore sia quella improvvisa e indolore! Che meraviglia notare come siamo diversi nel nostro modo di vivere! Ci ha fatto molto piacere conoscere questo modo di morire così lontano dal nostro e così accattivante!

A Kathmandu abbiamo visitato il crematorio di Pashupatinath. Siamo stati autorizzati a partecipare ai riti di cremazione dalla sponda opposta del fiume Bagmati. È un fiume stretto, noi lo consideriamo pieno di rifiuti e molto sporco, loro con acque sacre e pure.

La cosa più impressionante della sponda del fiume è che la vita e la morte vanno di pari passo. Mentre da una parte si svolgono varie cremazioni, dall’altra si vedono bambini che giocano e cercano di pescare oggetti, che combattono scimmie e saddus, uomini sacri che hanno rinunciato alla materia e che si vestono in modo colorato, compiendo acrobazie.

Il defunto viene posto su una barella, avvolto in un colore che determina se è maschio o femmina, celibe, sposato o vedovo e ricoperto di fiori. La barella è portata dai parenti maschi che si recano cantando fino a raggiungere la pira della cremazione.

La pira è di legno e la sua qualità dipende dalla casta a cui apparteneva il defunto: il sandalo è per i più ricchi e garantisce una cremazione completa; legni di qualità inferiore sono per i più poveri che non sempre bruciano tutto il corpo, pertanto viene gettato nel fiume una volta terminata la cerimonia.

La cerimonia inizia calando il defunto nel fiume per lavarne il corpo e purificarlo. Viene quindi avvolto nel lenzuolo e portato alla pira della cremazione. Il corpo è deposto di fronte alla via della morte: la testa punta a sud ei piedi a nord.

Solo gli uomini partecipano alla cerimonia di cremazione poiché la morte è motivo di gioia e le donne piangono molto; il pianto rende difficile all’anima il passaggio in un nuovo corpo.

Gli assistenti si vestono di scuro e dopo la cremazione si radono e si vestono di bianco.

Per avviare la cremazione, il figlio maggiore gira tre volte intorno alla pira con una torcia in mano e poi accende il fuoco. I membri della famiglia accompagnano il loro lutto seduti intorno a lui.

La cremazione dura dalle tre alle quattro ore e, durante la cremazione, il cranio esplode a causa della pressione del calore emettendo un rumore assordante. In questo atto si libera l’anima del defunto. Le ceneri e i resti vengono depositati nel fiume iniziando così il viaggio verso il Nirvana e la successiva reincarnazione.

Molte persone al nostro ritorno ci hanno chiesto: “ma come avete potuto resistere nel vedere una cosa del genere ?” Contrariamente a quanto si possa pensare, questo rito ha raggiunto il profondo della nostra anima. È stata una delle esperienze che per noi è valsa la pena vivere di più e che ci ha lasciato un segno indelebile!

Una opinione su "El rito de la muerte en India y Nepal"

  1. Si, impressionante questo rito. Io ho assistito alla stessa cosa a Varanasi, sul Gange. La cosa pero veramente scioccante è stato che , al mio quesito del perché nel corteo funebre non c’ erano donne, mi è stato risposto che nel passato le vedove venivano tirate anch’ esse sul rogo. Adesso non so se sono cambiate le cose e il genere femminile si sarà emancipato o verrà maggiormente preso in considerazione, ma x fortuna x loro, essendo “moleste” coi loro pianti, si salvano da ancestrali tradizioni….non però da quella di cadere “ in eredità” alla famiglia del marito che ne decide la sorte.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: