Passeggiare lungo il fiume

A Roma c’è sempre tanto da vedere e da scoprire:  le mostre  e i musei in questi tempi “gialli”  sono visitabili, i parchi aperti e i sentieri suggestivi sono numerosi. Anche se vivo a Roma da tantissimi anni, ho visitato, solo da poco, un luogo incantevole: il parco dell’Aniene, fiume considerato fratello minore del Tevere. Paride, l’organizzatore del gruppo di marciatori, e, soprattutto, marciatrici, ha dato appuntamento  a me e Gladys alla metro Conca d’oro per evitarci di prendere l’automobile. Dopo circa 1km  di cammino siamo arrivati a piazza Sempione per dirigerci  al Ponte Nomentano, una costruzione fortificata, in origine costituita da due torri collegate da un muro merlato, occupate  un tempo da corpi di guardia uniti da ballatoi . Oggi il ponte è solo pedonale. Lì ci aspettava il resto del gruppo. Abbiamo oltrepassato  un cancello aperto e ci siamo avviati  su un viottolo che a sinistra costeggia dei campi, a destra l’Aniene. Si incontra pochissima gente: alcuni runners e ciclisti, la zona è silenziosa e suggestiva . A destra  si nota un terrazzo di legno con una spiaggetta, dovunque alberi fioriti  di bianco che segnalano la primavera e campi di margherite. L’Aniene, che scorre placido, ci fa compagnia, sembra davvero di essere lontano dalla città anche se sappiamo che tutt’intorno  ci sono i palazzi di alcuni dei quartieri più popolosi di Roma (Montesacro, Pietralata, Tiburtino).

Lungo la strada  numerosi cartelli ci hanno indicato il percorso da seguire, la camminata in tutto è di 6 Km. 

 Ciò che ho apprezzato di più è stata l’installazione di una  barriera anti plastica sul fiume per bloccare i rifiuti provenienti  dalla zona est della regione.

Sappiamo quanto la plastica e l’inquinamento delle acque sia uno dei più grandi drammi del nostro tempo e una grande parte dei rifiuti che finisce nei nostri mari è trasportato attraverso i corsi d’acqua che vi affluiscono, come i fiumi che passando per le città raccolgono, purtroppo, molto materiale di scarto e inquinante che poi portano direttamente in mari e oceani. La barriera anti plastica permette di fermare tutto quello che galleggia, ed è così che anche la barriera dell’Aniene servirà come ulteriore blocco per evitare che i rifiuti arrivino fino al Tevere. La passeggiata è finita dopo circa due ore, abbiamo preso la metro a ponte Mammolo, l’ultimo tratto breve sull’asfalto, disabituate al traffico ci è sembrato un percorso lungo ma sono davvero poche centinaia di metri.

Raccomando a tutti questa escursione, adatta davvero a tutte le età.

2 pensieri riguardo “Passeggiare lungo il fiume

  1. Farci scoprire o riscoprire i nostri tesori “poveri” e quasi sempre trascurati è uno dei lati non disprezzabile della pandemia

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: