Una cantautrice sociale 

Giovanna Marini ci ha lasciato. È stata un’icona per la mia generazione, una compositrice e cantante che ha dedicato la sua vita al canto sociale, contribuendo alla diffusione della “storia orale cantata”, registrando avvenimenti storici attraverso canzoni popolari.

Così affermava durante le sue interviste:

Le mie ballate, ma anche le opere per il quartetto, nascono dal desiderio di raccontare  quello che mi succede e quello che vedo intorno a me. Un po’ alla maniera dei cantastorie. Ho sempre amato raccontare delle storie!

Negli anni ’60 Giovanna Marini frequentò  intellettuali e studiosi della tradizione popolare italiana, come Pier Paolo Pasolini, Italo Calvino,Roberto Leydi, Gianni Bosio e Diego Carpitella. Fece parte del Nuovo Canzoniere Italiano e si esibì con vari artisti della Nuova canzone politica. Nel 1964 presentò a Spoleto il “Bella Ciao”, spettacolo di canto politico e sociale, con grande scandalo per un pubblico poco abituato alle canzoni di lotta. Raccolse una vasta quantità di canti popolari in tutta Italia e fondò il Quartetto Vocale. Fu attiva nella ricerca etnomusicale, recuperando durante i suoi spettacoli le tradizioni popolari italiane. Fu presidente della Scuola Popolare di Musica di Testaccio di Roma e insegnò etnomusicologia a Parigi. Collaborò con artisti come Marco Paolini e Francesco De Gregori.

Fino al momento della sua morte ha continuato a comporre e a esibirsi, a scrivere musica per il teatro e per il cinema.

 Le siamo  infinitamente riconoscenti  per il suo lavoro di ricerca prezioso e coraggioso. La ricordiamo oggi per le donne con lo zaino  con un’intervista da lei rilasciata al GR1

 https://www.facebook.com/watch/?v=1047595939162136

Author: ragaraffa

Blogger per passione e per impegno, ama conoscere e diffondere le voci delle donne che cambiano.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

This field is required.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*This field is required.