8-Donne e fumetti: Gegia Miranda

Volevo essere Gegia Miranda

Confesso che il mio amore per la lettura è nato sui fumetti. Passavo lunghi pomeriggi immersa nelle letture dei miei personaggi preferiti. Quando da bambina mi chiedevano cosa volessi fare da grande rispondevo che avrei voluto fare la giornalaia per poter leggere tutti gli albi disponibili sul mercato. La mia passione primaria era per l’algida Eva Kant, ma, desiderosa di immedesimazione, nonostante tutti i miei sforzi, non riuscivo proprio mai a paragonarmi a lei, alta, bionda ed eterea. Si affacciò allora, nei miei pensieri di ragazza, una figura ben più accessibile della compagna di Diabolik: Gegia Miranda. Era formosa, portava degli occhiali e i capelli erano spesso arruffati o legati in due trecce. Sì, potevo essere lei, anch’io non avevo misure da mannequin, sebbene cercassi di allisciare i capelli con svariati mezzi, al primo sentore di umidità divenivano mossi, e le pesanti montature dei miei occhiali ostacolavano i miei sogni di bellezza.

Gegia era l’amica rivale dell’affascinante ed elegante Billy Bis, un agente segreto dell’O.N.U., noto per il suo comportamento anticonvenzionale e le avventure galanti con belle donne.*

Nonostante fosse fidanzato con Doroty Matson, durante le sue missioni incrociava spesso la spregiudicata Gegia, che a volte si alleava con lui altre volte lo ostacolava. I due allora si avventuravano muovendosi a bordo di un’Isotta Fraschini e risolvevano faccende complicate.

Quanto sognavo di vivere le loro avventure! Io non mi persi un solo numero degli albi che contenevano le loro imprese e credo che fu proprio Gegia a riconciliarmi con i miei occhiali e a dirmi che la bellezza poteva declinarsi in mille modi diversi ma che al primo posto si doveva e si poteva perseguire la diversità.

*I personaggi di Billy e Gegia erano nati da Antonio Mancuso e disegnati da Loredano Ugolini. Le storie furono pubblicate in Italia dalla Editrice Universo tra il 1966 e il 1976 su riviste come Intrepido e Il Monello, per poi essere raccolte in un albo autonomo chiamato “Billy Bis Super”.

R.

Author: ragaraffa

Blogger per passione e per impegno, ama conoscere e diffondere le voci delle donne che cambiano.  

Rispondi