La Befana vien di notte…

Anna Maria Marinuzzi, detta Namì, non è romana, ma scrive molto bene in romanesco e oggi, che finalmente, si torna ad amare chi scrive in vernacolo, apprezziamo ancor più i suoi versi tratti dalla sua raccolta “Misticanza” (Feaci edizioni).

Sora Befana mia, v’aricordate

Che ve la cantavamo sta canzone?

Quanno cor sacco, su lo scopettone

Ve facevate quelle scarpinate..

Quanno v’appennevamo er carzettone

De lana, quello preso dar cassetto

E poi v’aspettavamo drent’ar letto

Tutta la notte ferme, zitte e bbone!

Co’ gnente accontentavi un regazzino:

Du caramelle, un tocco de torone

E pure quarche pezzo de carbone

Che pe’ magnallo me partì un dentino!

Che dite? Che so’ cose ormai passate?

Che ve volete mette già in pensione?

Che tra e pubblicità e televisione

 De sti tempi nun ve raccapezzate?

Certo, ve devo dà proprio raggione

Che je calate giù da li camini?

Questi ormai vonno li telefonini

E pure d’urtima generazzione!

E voi, pora vecchietta, come fate

Cor sacco sdrucinato che ciavete

Pieno de buchi, che si ve perdete

Un  pezzo solo già ve rovinate!

E sempre che un carzino poi ce sia

A quele cappe finte, laminate

Che mo’ le carze, già confezzionate

Le scergono da sé in pasticceria

Ah, v’è venuta un po’ de nostargia!

Famo così’, stanotte, pe’ na vorta

Ripijate la vostra vecchia sporta

E venite a trovamme a casa mia

E’ vero nun so più na regazzina

Ma alla cappa v’appenno un gambaletto,

Si ve sta bene, e prima d’annà a letto

Ve preparo la solita tazzina.

V’aricordate? Che ne la cucina

C’era pe’ voi er caffè ben zuccherato

E lo trovavo bell’e spazzolato

Quanno me risvejavo la matina!

Pe li regali nun ve preoccupate:

La prima fesseria che ve vie’ in mente

De quelle che oggi nun ce fai più gnente

Portatemela a me, nun la buttate.

Pe’ dì, sempre si questo nun v’annoia,

magara na cannuccia cor pennino:

Me la lasciate co ‘n cioccolatino

E come allora sarterò de gioia!

Giusto pe’ ricordà quella maggia

Ce scriverò così, solo ogni tanto:

Mo’ scrivo cor piccì, senza rimpianto…

Un bacio a voi cara Befana mia!

Namì Marinuzzi

disegno di Namì Marinuzzi

Pubblicato da ragaraffa

Blogger per passione e per impegno, ama conoscere e diffondere le voci delle donne che cambiano.

Una opinione su "La Befana vien di notte…"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: