Pao e la leggerezza

Paola, Montevideo- Roma

Ho conosciuto Paola alcuni anni fa e non sapevo che dipingesse, l’ho scoperto durante un aperitivo /esposizione cui mi ha invitato  qualche mese fa, mi ha colpito subito il colore e il calore che i suoi dipinti trasmettevano e mi sono chiesta se fossero dovuti a influenze africane.

Mentre mi mostrava le sue opere Paola mi ha raccontato la sua storia di donna con lo zaino e i pennelli in giro per il mondo:

Mio  padre era impiegato  presso una società di telecomunicazioni, il suo lavoro lo conduceva in giro per  il mondo. Sono nata in Uruguay durante una delle  sue  missioni più lunghe, e la terra uruguaiana mi ha accolto fino all’età di 4 anni. In seguito è stata la volta dell’Africa e la terra, il mare, la sabbia il cielo africani  hanno lasciato tracce di colore indelebili nella  mia memoria : tramonti con tinte di arancio e rosso che non ritroverò mai più in alcun luogo del mondo e che rivivono nei  miei  ricordi e sulle mie tele. Da piccola  ho trascorso  molte ore dei lunghi e caldi pomeriggi africani, dopo la scuola, a dipingere  i paesaggi che si stendevano davanti  ai miei occhi  ed il mio gatto, su pezze di cotone che mi facevo tagliare da mia  madre, che li  ricavava  da lenzuola bianche, mi sentivo leggera e fluttuavo nel colore e nel tratto dei miei schizzi.

 Solo al  rientro in Italia ho potuto dipingere su tele già allestite, non mi sembrava vero poter avere tutto pronto davanti a me senza dover faticare ad allestire un piano di lavoro.  Sono sempre stata più sensibile ai colori, che alla regola delle proporzioni del disegno e della prospettiva. Ho approfondito  l’utilizzo della pittura ad olio, nello studio, a Roma, di Elena Tommasi Ferroni, dove ho imparato a  sfruttare la sua tendenza quasi ossessiva per i colori.   La pittura ad olio è il mio lato “profondo” e la pittura ad acquerello il  lato “leggero”:  nella vita  coltivo entrambi gli aspetti. L’acquerello è una pennellata dietro l’altra che vuole suscitare un piacere puramente cromatico e leggero che  solo questa tecnica può consentire. Secondo me  chi  non sa sostenere lo sguardo su un’opera semplice e leggera, è semplicemente uno snob.Io mi rivolgo ad un pubblico  profondo che sa essere lieve e spensierato come i miei schizzi, che sa cogliere nello svolazzo e nel mio tratto il piacere della leggerezza.

View this post on Instagram

Pigmenti di Pao

A post shared by donneconlozaino (@donneconlozaino) on

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: