Il Cile da leggere

Marcela e le sue donne

Una scrittrice che ho molto apprezzato è Marcela Serrano. L’ho conosciuta poco prima di partire per il Cile e l’ho amata molto senza capirla davvero a fondo finché non ho visitato Chiloè. Il suo libro “L’ albergo delle donne tristi” infatti è ambientato lì  e le sue donne rivelano, oltre alla propria identità, le peculiarità della bellissima isola in cui è ambientato il romanzo.

L’albergo delle donne tristi 

 Avendo ereditato dal padre un albergo a Chiloè, Elena, psichiatra, vi accoglie le “donne tristi” che hanno bisogno di tranquillità e sostegno.

Elena  è eccellente ospite e terapeuta, in grado di accogliere donne  provenienti da lutti e separazioni, di  ogni ceto e condizione  sociale, rese sorelle  dalla tristezza di vivere.

Floreana è la protagonista del libro, famosa storiografa convinta di essere sconosciuta a tutti, è piena di dolore per la separazione dal marito e per la scelta del figlio di vivere con il padre. Ha deciso di chiudere con il sesso e con le relazioni sentimentali. Nell’Albergo  intende trovare la tranquillità per cominciare un nuovo libro. Difende strenuamente la castità  di fronte alle perplessità  delle  ospiti  della casa che la vedono giovane e  piacente.  Nell’albergo c’è un  variegato mondo femminile con cui si confronterà e incapperà in una serie di eventi  che la faranno uscire dalla clausura ed  entrare in contatto con il  paesino di pescatori  adiacente all’albergo dove incontrerà il medico del paese, Flavian.

Conoscerà anche  il cugino di Flavian, Pedro, un giovane omosessuale scrittore di romanzi erotici.

La “tristezza” è comune a tutto il  gruppo ed  in ognuna di queste donne tristi ci si può rispecchiare e trovare spunti per riflettere sulla propria esistenza e, forse, migliorarla. Chiloè fa da sfondo alla tristezza, con i suoi paesaggi marini umidi, tra gente solitaria e dignitosa, tra i silenzi e le attese.

 Marcela, figlia d’arte ( sua madre è Elisa Perez Walker, una nota romanziera e suo padre il saggista Horacio Serrano)),nasce a Santiago del Cile nel 1951.  ha quattro sorelle, che influenzano molto la sua scrittura “al femminile”. Vive con due di esse per un anno a Parigi. Nel 1973,  viene in Italia per sfuggire alla dittatura .

 Nel 1977 , rientrata a Santiago, ricomincia a studiare e  dopo avere ottenuto   il diploma in incisione  nel 1983, lavora nell’ambito delle arti visive.

Nel 1991 pubblica il suo primo romanzo  “Noi che ci vogliamo così bene”.

Marcela Serrano è una delle scrittrici  più  significative dell’ America Latina

Il Cile appare in quasi tutte le sue opere:

  – Noi che ci vogliamo così bene  (Nosotras que nos queremos tanto, 1991),         

Feltrinelli 1996,

-Il tempo di Blanca  (Para que no me olvides, 1993), Feltrinelli, 1998,

  • Antigua , vita mia (Antigua vida mía, 1995), Feltrinelli, 2006,
  • L’Albergo delle donne tristi (El albergue de las mujeres tristes,1997), Feltrinelli, 1999,
  • Nostra Signora della solitudine  (Nuestra Señora de la soledad,1999), Feltrinelli, 2001,
  • Un mundo raro  (2000, (racconti),
  • Ciò che sta nel mio cuore  (Lo que está en mi corazón, 2001), Feltrinelli, 2002
  • Arrivederci, piccole donne (Hasta siempre, mujercitas,2004), Feltrinelli, 2004,
  • I quaderni del pianto (La llorona, 2008), Feltrinelli, 2007,
  • Dieci donne (Diez mujeres, 2011), Feltrinelli, 2011,
  • Adorata nemica mia (Dulce enemiga mía, 2013), Feltrinelli, 2013,
  • Il giardino di Amelia (La novena, 2016), Feltrinelli, 2016.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: